Nessun prodotto nel carrello.

Trasforma la tua passione per la casa in una vera professione e inizia a guadagnare dal tuo talento grazie all'Home Staging.

Lorem ipsum

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Academy

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Consulenze

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Quando hai la fortuna di avere un’ottima insegnate alla scuola statale di tuo figlio, allora hai fatto bingo. E non solo, fai anche un mercato di cervelli.

È proprio quello che è capitato a noi con la maestra di Vento, che per privacy chiamerò Laura (no, non è il suo vero nome). Oltre che insegnare le materie canoniche, Laura, realizza laboratori, esperimenti e tutto quello che serve per raccontare ai bambini LA VITA, LA COLLABORAZIONE, LA TOLLERANZA, IL RISPETTO. E tanti altri valori che non sto qui ad elencare.

Ma veniamo a noi, perché non abbiamo mica tutto il giorno per stare qui a pettinar le bambole! Un girono Vento viene a casa e mi dice: “Mamma, lo sai cos’abbiamo fatto oggi in classe?” “No, mostrino, dimmi…” “abbiamo fatto un mercato di cervelli!”

Allora, lì per lì, la mia espressione era tra il perplesso e l’allarmato, un po’ come quando Giugliacci durante il meteo annuncia una nevicata nella tua città: ci credi fino a domani, però spedisci tuo marito in soffitta a tirar giù la pala da neve; ecco, uguale.

“Ma, Ricky (Vento), amore della mamma, lungi da me non crederti, ma… in che senso – un mercato di cervelli – ?”

“Eh, la maestra ci ha detto di fare questo, di chiedere quest’altro e di scriverlo su un foglietto…”

Allora, ve la faccio breve: la maestra ha detto agli alunni di scrivere su due foglietti: su uno tutti i loro punti di forza, quello che sanno fare (Vendo) e sull’altro le loro aree di miglioramento, ciò che desiderano (Cerco).
(n.b. non difetti, o mancanze, “aree di miglioramento“).

Dopo questa prima fase, si è attivato “un mercato di cervelli” dalle richieste più disparate:

Cerco cervello: che sappia giocare a calcio (ma bene), sappia contare e disegnare.

Vendo cervello: che sappia leggere veloce, giocare a pallavolo e scrivere bene in corsivo.

Cerco cervello: che sappia tenere bene la matita e che mangi tutto.

Bellissimo, vero?

E allora io dico: con la stessa semplicità dei bambini, facciamolo anche noi, perbacco!
Senza presunzione, senza “si ma lui, no ma io”, senza puntare il dito sulle mancanze altrui.
Non sarebbe bello avere le doti altrui e donare le nostre?

Io avrei un elenco infinito di cose che vorrei saper fare meglio: vorrei parte del cervello di un sacco di persone che conosco, dalle mie più care amiche, alle mie colleghe. Vorrei essere l’insieme delle donne straordinarie che conosco, e anche di qualche uomo.

E tu, che cervello vendi e che cervello cerchi?

Un bacio!
Francesca

Comments (10)

  1. Cecilia
    Febbraio 6, 2017

    Veramente brava questa maestra! Ci devo pensare un pó però ?.. a differenza dei bambini che sono una potenza della natura quando devono affrontare nuove sfide!! Ti farò sapere !! ?

    Reply
    • Francesca Martinelli
      Febbraio 7, 2017

      Anche io sto cercando di capire con chiarezza che cervello vorrei, e non è così facile?❣

      Reply
      • Marzo 17, 2017

        Strano che non sia mai esistita (o almeno non mi risulta che esista) una rivista vera e propria, qualcosa di cartaceo da vendere o dare in giro per le case, tipo "L'aereo di Guardia" oppure &qvst;Dioattivateui".Come dico io, "Arcigni vendicatori del nulla nella vita virtuale, poveri cristi in quella reale".

        Reply
  2. Nadia
    Febbraio 6, 2017

    Che mito questa insegnante…vendo cervello di creatività e cerco cervello giovane e meno stanco del mio!?

    Reply
    • Francesca Martinelli
      Febbraio 7, 2017

      Guarda, un mito! Fossero tutte con questa passione, questa cura… non ho riportato tutte le frasi dei bambini, ma erano da Oscar! ??

      Reply
      • Marzo 17, 2017

        I feel so much happier now I untersdand all this. Thanks!

        Reply
  3. Febbraio 7, 2017

    Bellissimo davvero, un gioco per loro ma un modo incredibile per riflettere su di se e confrontarsi con caratteristiche e peculiarità degli altri.
    Io intanto cerco cervello in grado di alzarsi da letto la mattina… Mama che difficoltà.
    Un abbraccio

    Reply
    • Francesca Martinelli
      Febbraio 7, 2017

      Ciao Stefi! Si, è proprio in gamba! Ah, se trovi quel cervello lì, quello del mattino, lo smezziamo? ?❤

      Reply
  4. Emma
    Febbraio 7, 2017

    Mi piace! Cerco cervello che non sia mai in ritardo! ?

    Reply
    • Francesca Martinelli
      Febbraio 9, 2017

      Ahaha!! Se ne trovi una dozzina penso potremmo fare un bel banchetto e venderli bene!?

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Join The List

Iscriviti per ricevere l’accesso esclusivo a ispirazioni di design, sconti e tanto altro.

Siamo qui per aiutarti a trasformare la tua passione in professione e per arredare la tua casa come su Pinterest.

Piccolo disclaimer: Facendo clic su iscriviti, accetti di ricevere messaggi di testo di marketing da HOOMS al numero fornito. Il consenso non è condizione di alcun acquisto. La frequenza dei messaggi può variare. Odiamo lo SPAM quanto te, ogni messaggio sarà inviato per darti un vantaggio promozionale o informativo. Visualizza la nostra Informativa sulla privacy.